Tutto fa pensare al calare del sipario per la formula dei grandi magazzini canadesi Hudson's Bay prima della fine del 2019. La società stessa non lo ha ancora confermato, ma la situazione finanziaria sembra insostenibile ed è inevitabile una partenza definitiva dai Paesi Bassi. Più di 1.400 dipendenti perdono il lavoro. È una perdita per le più grandi vie dello shopping olandesi che hanno già così tante buche.

La Baia di Hudson ha portato un po' di luce nell'oscurità dopo il fallimento di V&D alla fine del 2015. Gli edifici del leggendario grande magazzino olandese sono rimasti vuoti per più di un anno, fino a quando i canadesi si sono fatti avanti e sono stati accolti calorosamente. Si sono concentrati su una formula ambiziosa per i grandi magazzini e si sono impantanati in una politica di assortimento ambivalente.

Hornblow e scetticismo

Il via libera è suonato nel 2016 ed è stato accompagnato da batteria e fiati e un investimento di € 300.000 nell'avventura olandese. Molte persone si accigliarono già allora, perché il clima per una nuova catena di grandi magazzini non era proprio favorevole. Oltre a V&D, molte catene sono morte. Tempo fa ci siamo anche chiesti se la Baia di Hudson ce l'avrebbe fatta nel nostro blog sull'opportunità di un bene strategia omnicanale.

Formula del grande magazzino della Baia di Hudson senza una chiara direzione

Hudson's Bay non voleva essere un Bijenkorf, ma nemmeno un V&D, il simbolo della formula dei grandi magazzini in mezzo alla strada che ha fatto il suo tempo. Ma qual era la formula dei grandi magazzini della Baia di Hudson? Questo non è mai diventato chiaro e il consumatore non ne ha capito una parola. I negozi mancavano di atmosfera e direzione. I social media hanno appena raccolto i segnali del grande magazzino, non c'era trambusto.

Secondo il Retail Brand Survey in corso, il punteggio su tutti i fattori di immagine che il rivenditore ha attribuito a se stesso, tra cui classe internazionale, alta qualità e molta varietà nella gamma, è stato scarso. Dopo il cambio di rotta, non si trattava né di carne né di pesce e il consumatore confuso ha rinunciato per sempre. In alcune località, delle dodici in totale, a volte c'era più personale che pubblico.

La sua formula multicanale è iniziata troppo tardi e la concorrenza di altri rivenditori online è stata letale. Nonostante le condizioni finanziarie favorevoli in cui la Baia di Hudson ha potuto beneficiare delle proprietà vuote di V&D, le perdite hanno continuato a crescere. L'ammissione del CEO che avrebbero dovuto rimanere più vicini al segmento V&D è arrivata troppo tardi. Se un tale corso avrebbe aiutato è altamente discutibile.

La mancanza di un posizionamento chiaro chiude la porta

Gli esperti di vendita al dettaglio sostengono che non è stata tanto la concorrenza online a uccidere la Baia di Hudson, ma che la discesa dalla montagna con una gamma mirata al segmento medio si è rivelata fatale per la catena di grandi magazzini canadesi. Dopotutto, quel segmento è servito in modo eccellente da bol.com e Zalando, ha detto recentemente il professore su appuntamento Cor Molenaar in Emerce† Ad essa ha collegato questa lezione: come marchio hai una possibilità di successo solo se il tuo posizionamento è chiaro fin dall'inizio.

Una saggia lezione. Per negozi tradizionali, catene di grandi magazzini e rivenditori online.